Quatre petits morceaux montés à poire et tournés en tous sens

70,0080,00

Quatre petits morceaux montés à poire et tournés en tous sens è l’orchestrazione di alcune musiche di Erik Satie. La scelta dei brani originali non si limita ai più noti ma attraversa tutta la produzione dell’autore (dal 1889 al 1921) e vuole dare un campionario di tutti i suoi periodi principali: quello mistico e rosacrociano, quello delle musiche scritte per il cabaret, quello chiamato “comico”, quello del music-hall; ma anche la dimensione di certe musiche pianistiche  bellissime e davvero curiose, come Sur un pont, molto private e all’epoca (come oggi!) quasi sconosciute. I brani sono stati affiancati a comporre i vari movimenti della suite e orchestrati quasi senza interventi radicali, con la sola esclusione del primo movimento nel cui finale torna l’eco della Sonnerie ascoltata all’inizio.

Il titolo, traducibile “Quattro piccoli pezzi montati a forma di pera e rivoltati in tutti i sensi” (senza dimenticare che in francese “poire” può significare anche “minchione”), è naturalmente un gioco di montaggio da frammenti di titoli di Satie: Trois morceaux en forme de poire, Trois petites pièces montées, Chapitres tournés en tous sens. Inoltre in questa suite chiamata Quatre petits morceaux i movimenti sono in realtà cinque, così come i Trois morceaux di Satie… sono in realtà sette.

L’uso del vibrafono è opzionale, ma caldamente raccomandato.

Il tamtam deve essere il più grande possibile.

Nel terzo movimento viene richiesto il “sizzle cymbal”: in mancanza del piatto sospeso con l’apposito meccanismo, si appoggi sul piatto consueto una piccola catena metallica per poi eseguire il rullo con normali mazzuole. In alternativa è possibile sfregare, ma con continuità, la superficie del piatto con una bacchetta metallica o un diapason lasciandolo libero di vibrare.

Compositore: Erik Satie

Arrangiatore: Sandro Montalto

 

 

Clear

Description

Quatre petits morceaux montés à poire et tournés en tous sens è l’orchestrazione di alcune musiche di Erik Satie. La scelta dei brani originali non si limita ai più noti ma attraversa tutta la produzione dell’autore (dal 1889 al 1921) e vuole dare un campionario di tutti i suoi periodi principali: quello mistico e rosacrociano, quello delle musiche scritte per il cabaret, quello chiamato “comico”, quello del music-hall; ma anche la dimensione di certe musiche pianistiche  bellissime e davvero curiose, come Sur un pont, molto private e all’epoca (come oggi!) quasi sconosciute. I brani sono stati affiancati a comporre i vari movimenti della suite e orchestrati quasi senza interventi radicali, con la sola esclusione del primo movimento nel cui finale torna l’eco della Sonnerie ascoltata all’inizio.

Il titolo, traducibile “Quattro piccoli pezzi montati a forma di pera e rivoltati in tutti i sensi” (senza dimenticare che in francese “poire” può significare anche “minchione”), è naturalmente un gioco di montaggio da frammenti di titoli di Satie: Trois morceaux en forme de poire, Trois petites pièces montées, Chapitres tournés en tous sens. Inoltre in questa suite chiamata Quatre petits morceaux i movimenti sono in realtà cinque, così come i Trois morceaux di Satie… sono in realtà sette.

L’uso del vibrafono è opzionale, ma caldamente raccomandato.

Il tamtam deve essere il più grande possibile.

Nel terzo movimento viene richiesto il “sizzle cymbal”: in mancanza del piatto sospeso con l’apposito meccanismo, si appoggi sul piatto consueto una piccola catena metallica per poi eseguire il rullo con normali mazzuole. In alternativa è possibile sfregare, ma con continuità, la superficie del piatto con una bacchetta metallica o un diapason lasciandolo libero di vibrare.

Anteprima del PDF

 

Additional information

Weight 0.7 kg
Composer

Publisher

Sales Format

Paper, Pdf

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Quatre petits morceaux montés à poire et tournés en tous sens”